Condividi su:

Cosa accade se il datore di lavoro non ottempera agli obblighi normativi prescritti dal Testo Unico 81/08?

Al di là dei danni naturali e fisici che possono colpire dipendenti e proprietari dell’azienda, esiste il rischio di veder quantificato il tutto in una grande beffa economica – con sanzioni e ammende – che può mettere in ginocchio una impresa su cui sono stati investiti tempo, soldi e sogni di gloria.

Le cattive abitudini della non sicurezza sul lavoro

Nei Paesi anglosassoni, la mancanza di sicurezza nelle aziende viene definita come una “bad habit”, una brutta abitudine: quando le procedure standard a tutela dei lavoratori non vengono seguite, e vengono tralasciati gli eventuali rischi che si nascondono dietro l’angolo, si potrebbero verificare delle problematiche più o meno gravi che possono ripercuotersi sull’attività di impresa. Un rischio serissimo: ma quanto vale la pena correrlo?

Dai DPI alla formazione, conviene rischiare?

Non rispettare la predisposizione e la consegna dei DPI (Dispositivi di Protezione Individuale), o perfino la predisposizione delle procedure di sicurezza e la formazione dei lavoratori è un rischio tanto quanto il non predisporre dei percorsi d’esodo in caso di emergenza. Non solo: l’esclusione dal pacchetto di sicurezza dell’antincendio o della medicina del lavoro può altrettanto compromettere la sicurezza dei lavoratori e quella aziendale e a farne le spese sono anzitutto le persone messe in una situazione di pericolo, ma anche i titolari dell’azienda rischiano grosso.

Sicurezza sul lavoro, risparmi e dormi sonni tranquilli

Non applicare le misure di sicurezza sui luoghi di lavoro non significa risparmiare, anzi, è un vero e proprio azzardo: eliminare i costi che derivano dalla consulenza e dall’adempimento di obblighi come fornire i DPI e la formazione potrebbe sembrare una bella mossa per dare ossigeno e liquidità alle casse dell’azienda. Cosa accade però in caso di incidenti o controlli?

Passiamo ai casi pratici. Un incidente causato da un lavoratore non formato potrebbe comportare l’interruzione dell’attività produttiva per giorni, arrecando quindi anche un danno economico non indifferente all’azienda. Stessa cosa una multa da parte di un organo di controllo. Se ad esempio non vengono consegnati i DPI, ovvero i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che l’indossa o comunque che li porta con sé da rischi per la salute e la sicurezza – sia in ambito domestico, sia in ambito sportivo, sia in ambito ricreativo e, ovviamente, in campo lavorativo – si può incorrere in sanzioni identificate nell’arresto fino a un mese o ammenda da 259,20 a 657,60 euro.

Cui prodest non investire in sicurezza?  Mettere a repentaglio la salute dell’azienda, oltre che dei lavoratori, significa vedere in fumo capitali e sogni. Meglio essere sicuri.

 

Condividi su:

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.